AEREI ITALIANI Schede Tecniche Fiat G.59 4A

Home page

Foto – Photos

Nome / Name Fiat G.59 4A

Carattestistiche/ Type Addestratore monoposto 4A
Anno di Cost. Year of constr. 1949/50
Primo Volo/ First flight 12 settembre 1951
Progettista/ Eng. Ing. Giuseppe Gabrielli
Equipaggio n. /Crew 1
Ap. Alare / mt. Span wings 11,85
Lunghezza/ mt. Lenght 9,47
Altezza/ mt. Height 3,76
Sup. Alare mq / Wing area 21,11
Motore -i / Power Plant-s 1 Rolls Royce Merlin 500-20 da 1420cv
Peso max / Max weight 3460 kg.
Peso a secco / Empty weight 2880 kg.
Carico utile / Loaded weights 522 kg.
Armamento / Armament 2-4 mitragliatrici H.S. 20mm.
Vel. max/ Max speed 593 km/h
Tangenza prat. / 10500 mt.
Autonomia / Range 980 km – max 1420 km
Produzione / Production I serie n.12 esemplari – serie 2A 36 esemplari serie 2B 19 esemplari -4a 50 esemplari 4B 85 esemplari
Varianti / Special Type G.59 1A prima serie da G.55 AM – primo volo 26.09.1949
G.59 2B biposto BM – primo volo 04.04.1948

G.59 2A con velocita’ di 609 km/h – primo volo 10.04.1951

G.59 3A prototipo MM53018 – primo volo 16.10.1951

G.59 4A con capotte trasparente a goccia – primo volo 12.09.1951

G.59 4B biposto – primo volo 11.05.1951

G.59 D con motore R.R: Dart 505 – 1954

G.61 prototipo con motore R.R. Merlin Packard V 1650-7 – monoposto

G.61 B prototipo con motore R.R. Merlin Packard v 1650-7 – biposto

L’aereo militare era quello di modellare il quadro per un potente velivolo da combattimento nell’aspetto tagliente. Dipendeva dalla piccola e veloce macchina volante creata prima della guerra per le gare d’aria. L’aereo Scout militare non era previsto per trasmettere arma autentica ma doveva dipendere il suo ritmo per raggiungere l’area o Scout e tornare alla base rapidamente per Summit le informazioni che hanno richiesto fondamentalmente un pony volante.

Non molto tempo dopo l’inizio della battaglia, i piloti erano dotati di pistole, carbines, esplosivi e una combinazione di armi estemporizzate. Clicca qui per scoprire che un sacco di questi dimostrato incapace come il pilota aveva bisogno di volare l’aereo e cercando di puntare un Armeria palmare simultaneamente e creare un fastidioso tiro di deviazione. La fase iniziale per un accordo genuino era quello di fissare l’arma sulla macchina volante in modo costante.

Note / note: Matricole Militari: MM43026-37 / 53133-42 / 53267-82 / 53266 / 53283-88 / 53373-81 / 53363-72 / 53382-391 – tutte le versioni

Torna a aerei dal secondo dopoguerra

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *