in Uncategorized

AEREI ITALIANI Schede Tecniche FIAT C.R. 41

Home page

Foto – Photos

Nome / Name Fiat C.R. 41

Carattestiche/ Type Monoplano monomotore da caccia
Anno di Cost/ Year of const. 1934-35
Primo Volo/ First flight
Progettista/ Eng. Ing. Celestino Rosatelli
Equipaggio n. /Crew 1
Ap. Alare / mt. Span wings 9,65
Lunghezza/ mt. Lenght 7,43
Altezza/ mt. Height 2,65
Sup. Alare mq / Wing area 22,60
Motore -i / Power Plant-s 1 G&R 14Kfs da 900cv
Peso max / Max weight 2032 kg.
Peso a secco / Empty weight 1457 kg.
Carico utile / Loaded weights –
Armamento / Armament 2 Safat 12,7mm + 2 Safat da 7,7mm
Vel. max/ Max speed 327 km/h
Tangenza prat. / 12000 mt. (teorica)
Autonomia / Range 1h45′
Produzione / Production 2 prototipi
Varianti / Special Type Variate Cr41 montante il motore Fiat A59R
Note / note: Matricole MM. 207 / 208

 

I velivoli da combattimento sono stati creati durante la prima guerra mondiale per scoraggiare gli aerei dell’avversario e dirigibili la capacità di assemblare i dati attraverso l’osservazione della zona di guerra. I primi piani di combattimento erano eccezionalmente minuscoli e scarsamente attrezzati da calibri e la maggior parte di loro erano biplani che si sono formati con un involucro di legno fissato con texture, e una velocità inferiore. Dato che la dominanza del territorio dell’aria sulle forze armate si rivelò essere progressivamente essenziale, la maggior parte dei poteri reali creò aerei da guerriero per aiutare le loro attività militari. Durante la battaglia, il legno è stato in gran parte soppiantato in una certa misura o interamente da tubi metallici e infine gli strati esterni in alluminio hanno cominciato a prevalere.

Durante la seconda guerra mondiale, la maggior parte dei dirigibili di combattimento erano monoplani completamente metallici dotati di batterie di armi automatiche o pistole e pochi sono stati montati per passi in movimento verso 400 mph. La stragrande maggioranza dei velivoli da combattimento aveva un solo motore, eppure vari velivoli a doppio motore sono stati fabbricati e sono stati osservati per eccellere contro singoli velivoli da combattimento a motore e sono stati spediti a diverse imprese come aerei da combattimento utilizzati durante la notte che è stato arredato con impostazioni radar grezzi, per i dettagli riguardanti questa visita Homepage.

Verso il periodo finale delle battaglie, i motori Turbojet venivano soppiantati con motori a pistoni per l’azionamento e per ampliare ulteriormente la velocità dell’aeromobile. Poiché la pesantezza del motore a Turbojet era inferiore al motore del cilindro, avendo entrambi non era impedimento e una coppia sono stati utilizzati contingente su necessità.

Torna Prototipi Militari

Post Comment