in Uncategorized

AEREI ITALIANI Schede Tecniche Caproni Ca. 90 P.B.

Home page
Foto – Photos
Nome / Name Caproni Ca. 90 P. B.
Carattestiche/ Type Biplano esamotore da bombardamento pesante
Anno di Cost/ Year of const. 1929
Primo Volo/ First flight 13 Ottobre 1929
Progettista/ Eng. Ing. Gianni Caproni / Ing. Dino Giuliani
Equipaggio n. /Crew 7
Ap. Alare / mt. Span wings 46,70 mt.(46,58)
Lunghezza/ mt. Lenght 26,50 mt.(26,94)
Altezza/ mt. Height 10,80
Sup. Alare mq / Wing area 500,00 mq. (496,70)
Motore -i / Power Plant-s 6 Isotta Fraschini Asso da 1000 cv ciascuno
Peso max / Max weight 30.000 kg.
Peso a secco / Empty weight 15.000 kg
Carico utile / Loaded weights fino a 15000 kg di bombe
Armamento / Armament 6 mitr. Da 7,7 mm
Vel. max/ Max speed 210 km/h
Tangenza prat. / 3500 mt.
Autonomia / Range 7 h /
Produzione / Production 1 prototipo
Varianti / Special Type
Note / note:

C’era un enorme potere nel settore dell’aviazione tra la prima e la seconda guerra mondiale. Dalla struttura di base agli aspetti più meccanici sono stati tutti alterati nella seconda guerra mondiale rispetto alla prima guerra mondiale. Il carrello era fisso e la cabina di pilotaggio era aperta.

Con l’anno 1939, c’erano aerei da combattimento che in realtà avevano tutta una superficie metallica come monoplani che sono stati realizzati interamente in metallo tutto con attrezzi retrattili è entrato in esistenza. Qualcosa come gli aeroplani stessi stava diventando enormi combattenti corazzati e la velocità era molto più di quanto il tempo precedente. Con un enorme miglioramento in questa sezione, c’erano aerei bombardieri e che portava enormi bombe per rendere la distruzione appena completata.

Gli strumenti sono stati gyroscopicamente guidati con la fornitura di luci elettriche all’interno della cabina di pilotaggio effettivamente aiutato con volare nel tempo di notte e ci sono stati meccanismi per trovare il modo giusto attraverso il tempo pericoloso pure. Dal momento che i box erano tutti chiusi e c’era aiuto in termini di fornitura di ossigeno ai piloti come c’era la necessità di raggiungere altitudini più elevate durante quel tempo. Insieme con le radio vocali che li aiuta a comunicare con altri aerei e la stazione di base anche. Alcuni sono stati dati paracadute adeguati che sono stati meglio progettati rispetto a quelli utilizzati alla fine della prima guerra mondiale. C’era una buona recensione dei piani più recenti rispetto a quelli più vecchi in quel momento.

Torna Prototipi Militari

Post Comment