in Uncategorized

Riceviamo e pubblichiamo con grande gioia le opere di Roberto Zanella che ci consente di ammirare tutta la sua passione per l’aeronautica .

Aerei Italiani.net

Roberto Zanella

Pittura Aeronautica

 

 

“Roberto Zanella è nato a Udine nel 1957. Ha conseguito la maturità artistica presso l’istituto d’arte della sua città. Appassionato del volo e degli aeroplani ha ottenuto il brevetto d’aliante a 17 anni presso l’alloraSezione Militare di Volo a Vela dell’Aeronautica Militare a Rieti. Dal 1983 si dedica al volo ultraleggero. Lavora come grafico-illustratore e per quanto riguarda l’attività artistica si dedica alla pittura aeronautica, non nascondendo una particolare predilezione per i soggetti e avvenimenti riguardanti il mondo aeronautico italiano e la sua storia. Ha esposto in varie mostre collettive e personali; ha realizzato alcune opere per l’Aeronautica Militare – tra queste il manifesto “Giornata dell’Ala” in occasione della manifestazione aerea internazionale per il suo 75° anniversario – e per il Museo di Vigna di Valle. Ha collaborato con le Frecce Tricolori, nel settore modellistico e nell’editoria aeronautica” –

 

scrivi all’autore

 

anche su:

 

Aviationgraphic

 

Back to Album

Play Slideshow

Previous

Next

 

Roberto Zanella

Pittura Aeronautica

Home    Presentazione    Recensione Libri    Foto Storiche    Foto Attualita‘    Cartoline e Pubblicita’

Articoli Storici    Articoli di Attualita‘    Schede Aeromobili    Monumenti Aeronautici    Bibliografia

Aerei Italiani

 

Riceviamo e pubblichiamo con grande gioia le opere di Roberto Zanella che ci consente di ammirare tutta la sua passione per l’aeronautica .

 

“Roberto Zanella è nato a Udine nel 1957. Ha conseguito la maturità artistica presso l’istituto d’arte della sua città. Appassionato del volo e degli aeroplani ha ottenuto il brevetto d’aliante a 17 anni presso l’alloraSezione Militare di Volo a Vela dell’Aeronautica Militare a Rieti. Dal 1983 si dedica al volo ultraleggero. Lavora come grafico-illustratore e per quanto riguarda l’attività artistica si dedica alla pittura aeronautica, non nascondendo una particolare predilizione per i soggetti e avvenimenti riguardanti il mondo aeronautico italiano e la sua storia. Ha esposto in varie mostre collettive e personali; ha realizzato alcune opere perl’Aeronautica Militare – tra queste il manifesto “Giornata dell’Ala” in occasione della manifestazione aerea internazionale per il suo 75° anniversario – e per il Museo di Vigna di Valle. Ha collaborato con le Frecce Tricolori, nel settore modellistico e nell’editoria aeronautica” –

Scrivi direttamente all’autore

anche su

Aviationgraphic

Ottocubano

 

 

 

Galleria Di Roberto Zanella
Pittura aeronautica
L’aeronautica italiana nelle guerre, nelle leggende e nei primati.

Scrivi direttamente all’autore

Album Dipinti: Clicca una immagine x ammirarla – avanti ed indietro per sfogliare l’album

 

CROCIERA DEI 55.000 KM.

Il SIAI S 16 Ter “Gennariello” con il quale il Com.te Francesco De Pinedo ed il motorista Ernesto Campanelli compiono la crociera Italia-Australia-Giappone-Italia nel 1925. Con questa grande impresa, la prima dalla costituzione della Regia Aeronautica, inizia la felice stagione dei primati italiani.

 

CAVALLO DI RAZZA

Con l’arrivo, il 13 marzo 1963 del Lockheed F 104G Starfighter al 9° gruppo della 4^ aerobrigata, il “Cavallino” è il primo reparto dell’Aeronautica a dotarsi del rivoluzionario caccia bisonico.

 

 

 

 

MISSIONE IN BOSNIA

Coppia di AMX del 14° Gruppo del 2° Stormo impegnati nella Deliberate Force iniziata nell’agosto 1995.

 

 

 

 

 

PRIMAVERA RUSSA

Primavera 1942. Macchi MC 200 della 369^ squadriglia del 22° Gruppo operante con il Corpo di Spedizione Italiano in Russia (C.S.I.R.) dall’agosto 1941 alla metà del 1942.

 

 

 

 

GRUPPO BUSCAGLIA

Il SIAI S 79 bis del cap. Carlo Faggioni, comandante del Gruppo “Buscaglia” dell’Aeronautica Nazionale Repubblicana; primavera 1944.

 

 

 

 

 

S 79!

Ambientazioni varie sul soggetto S 79. In primo piano aereo della 281^ squadriglia comandata da Carlo Emanuele Buscaglia; Egeo 1941.

 

 

 

 

 

PRIMATO DI VOLO ROVESCIO

Il Caproni Ca113 (I-ACCA) con il quale il ten. Tito Falconi rappresenta l’ Italia alle Air Races di Los Angeles dal 1al 4 luglio 1933. In agosto Falconi si trasferisce a Chicago per esibirsi al Salone Aeronautico dell’ Esposizione Mondiale. Il 27 agosto, nell’ultima tratta Saint Louis-Chicago di 420 km, vola rovescio per 3 ore, 6 minuti e 39 secondi conquistando il primato assoluto di volo rovescio.

CAMPOFORMIDO…LA LEGGENDA

Coppia di FIAT CR Asso dell’81^ squadriglia del I° Stormo Caccia (VI° gruppo) in volo sull’aeroporto di Udine-Campoformido, sua sede, nell’estate 1931.

 

 

 

 

 

CR 42

Il Fiat CR 42 Falco del serg. Luigi Gorrini appartenente all’85^ squadriglia del 18° gruppo operante in Africa settentrionale dalla fine di gennaio alla metà di agosto 1941.

 

 

 

 

 

THUNDERFLASH !

Il Republic RF 84F Thunderflash del 132° gruppo della 3^ Aerobrigata Ricognitori Tattici, anni ’70. Equipaggia il 3° Stormo dal dicembre 1955; il Reparto, divenuto 3^ Aerobrigata dal 1 gennaio 1956, lo tiene in linea fino alla fine del 1973. Il 132° gruppo lo sostituisce nel 1972 con l’F 104G.

 

 

 

AFRICA ’42

Partenza su allarme dei MC 202 Folgore della 97^ squadriglia (9° gruppo) del 4° Stormo dal campo di Fuka nell’estate 1942.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TAKE OFF!

Uno dei primi TF 104G-M (Modificati) consegnati al 20° gruppo ai primi del 1998. Il programma di modifica inizia nel dicembre 1993 e termina nel luglio 1997. Al 31 marzo 1998 l’AMI ha in dotazione sette monoposto ed un biposto.

 

 

 

 

 

 

 

PICCHIATELLI

Coppia di Junkers Ju 87 Stuka della 239^ squadriglia del 97° gruppo bombardamento a tuffo basati a Derna, in Cirenaica, in volo sul Mediterraneo nel maggio 1941.

 

 

 

 

 

 

 

 

G 91

Il terzo prototipo del FIAT G 91 (NC 2, MM 566) del 311° Gruppo del Reparto Sperimentale di Volo di Pratica di Mare, in decollo dalla pista erbosa dell’ aeroporto di Udine-Campoformido durante le prove valutative svoltesi nel luglio-agosto 1959.

 

 

 

 

 

 

 

DAVIDE E GOLIA

Un Macchi MC 205V della 1^ squadriglia “Asso di bastoni” comandata dal cap. Adriano Visconti in azione contro un B 17 Flying Fortress della 15^ Strategic Air Force sui cieli del nord est d’Italia, nel febbraio 1944. Dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 si costituisce al nord la Repubblica Sociale Italiana che con la sua aviazione combatte contro gli anglo-americani. Costituito nel novembre 1943, il I° Gruppo Caccia dell’aeronautica nazionale repubblicana (con le sue tre squadriglie:1^ “Asso di bastoni”, 2^ “Vespa arrabbiata”, 3^ “Arciere”) inizia un intenso e cruento ciclo di operazioni volto a contrastare la schiacciante superiorità numerica dei bombardieri e caccia alleati.

 

ALBA DI GUERRA

Inizio dell’attività di volo alla 70^ squadriglia; primavera 1916. Il Nieuport 11 Bebè (Ni 1451) di Francesco Baracca con il quale consegue la sua prima vittoria aerea nel cielo di Medea, il 7 aprile 1916. Sarà anche la prima vittoria ufficiale dell’aviazione da caccia italiana, specialità nata sui campi di Udine-S.Caterina

 

 

 

 

LOOPING SU TARANTO

Coppia di Harvards (un T 6H-4 in primo piano, ed un T 6H-2) della Scuola Centrale Istruttori di Volo (S.C.I.V.) di Grottaglie, in acrobazia sul golfo di Taranto; 1964.

 

 

 

 

 

 

OMAGGIO A “LUPO 86”

Il Fairchild C 119G “Vagone Volante” del 98° gruppo – nominativo radio “Lupo” – della 46^ Aerobrigata, precipitato dopo il decollo dalla pista di Rivolto, base delle Frecce Tricolori, a causa di un’avaria al motore sinistro, il 25 aprile 1970. Perdono la vita 10 specialisti della PAN e 7 membri dell’equipaggio.

 

 

 

 

 

I RAGAZZI DI FOUGIER

Looping sull’aeroporto di Campoformido, sede del I° Stormo caccia comandato dal t.col. Rino Corso Fougier. I cinque FIAT CR 20 della 71^ squadriglia (XVII° gruppo) del I° Stormo in allenamento sul cielo campo nel maggio 1930. E’ la pattuglia che per la prima volta al mondo esegue la figura acrobatica della “bomba”, figura che viene presentata ufficialmente alla I^ Giornata dell’Ala l’8 giugno successivo, sull’aeroporto del Littorio. Della storica formazione, guidata dal ten Neri, fanno parte il s.ten. Melandri ed i serg. De Giorgi, Scarpini e Diamare.

 

BATTAGLIE NEI CIELI

Duello aereo sull’Altopiano di Asiago tra SPAD XIII della 91^ squadriglia di Quinto di Treviso e Albatros DIII della Flik 55J basata a Pergine (Trento); marzo 1918.

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna alla Home Page

 

Post Comment