in Uncategorized

Dal SAI Ambrosini Sagittario All’AERFER Leone

AEREI ITALIANI
A History of the first Italian supersonic fighters created by Sergio Stefanutti

 

Il libro di Giuseppe Cimpaglia affronta in modo organico la vita lavorativa di uno dei migliori ( e forse uno dei piu’ dimenticati) ingegneri aeronautici Sergio Stefanutti, creatore ( dal niente – poco ) di alcuni promettenti progetti ed aviomobili italiani durante gli anni che vanno dal 1935 al 1962.

L’aereo da caccia chiamato Aerfer Ariete è stato costruito in Italia nell’anno 1958.It è derivato dal Sagittario. Hanno compiuto seri sforzi nel rendere l’aeromobile utilizzando le attrezzature più recenti e portarlo al livello standard e sono in grado di produrre massa in forma praticabile. Nella maggior parte del Sagittario 2 il naso è stato l’assunzione e c’è uno scarico ventrale collocato nel motore. Il motore ha il vantaggio aggiuntivo in quanto può essere acceso e spento per il numero di volte in cui è in movimento di volo. In alcuni altri progetti, hanno il reattore ibrido comune per la propulsione dell’aeroplano e tuttavia non c’è produzione di massa. Offre la massima flessibilità per l’uso. Sulla base delle più recenti tecnologie, l’intercettore supersonico è il nuovo tipo che viene avviato e nel Sagittario, l’Interceptor è incluso nella produzione di combattente. È possibile scoprire il numero di rimodellamento o ristrutturazione di aeromobili rispetto all’Ariete, che ha la fusoliera lunga. Esso rappresenta che ha la maggiore capacità di combustibile. Ha un’altra nuova ala del baldacchino e contiene la presa d’aria collegata con il radar. Il Germitox è un Blog ufficiale dove possiamo trovare il numero di progetti con la tecnologia avanzata.

Emozionante ripercorrere la vita ( e il sfortunato epigolo ) di aerei quali l’S.S.4 i SAI Ambrosini 207 e 403 ed i caccia supersonici italiani del dopoguerra.

Un testo ricco, completato da molte fotografie in parte inedite con tabelle che esplicano i maggiori dati tecnici degli aerei.

Mi sarebbe piaciuto come ciliegina sulla torta che l’autore si fermasse sul ruolo di Arturo Ferrarin quale collaudatore sia del Caudron-Renault C.760 sia del SAI 107 per dipanare l’annosa questione di presunta “copia” del caccia nostrano, pazienza.

Il testo , copiato anche in inglese, e’ ulteriormente arricchito dai disegni di J.R. Caruana e da un “inserto” modellistico di Maurizio Di Terlizzi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Ciampaglia

Dal SAI Ambrosini Sagittario All’ AERFER Leone

A History of the first Italian supersonic fighters created by Sergio Stefanutti

 

ISBN 88-7565-000-4

Anno 2004 pp.158

Euro 17,50

IBN Editore

 

TORNA ALLA PAGINA DELLE RECENSIONI

 

Post Comment