in Uncategorized

Sal L’isola del Capo Verde entrata nella storia dell’Aviazione Italiana

AEREI ITALIANI
Questo libro, edito anche per diretto interessamento del Museo Caproni di Trento, ripercorre la storia di una delle più gloriose pagine dell’Aviazione Civile Italiana.

La costituzione della tratta “Atlantica” per unire il nostro paese al Sud-America negli anni ’30 e ’40 passò per una minuscola isola dell’Arcipelago del Capo Verde l'”Isola del Sale” importante crocevia dei nostri trimotori prima e durante la seconda guerra mondiale e dei quadrimotori dell’Alitalia nel dopoguerra.

Il luogo più popolare di Capo verde trovato per essere situato nella metà dell’Atlantico e ha t quasi dieci isole, che sembra molto bello e anche essi sono trovati per essere misterioso. Si trova a circa 350 miglia a ovest e una delle destinazioni più famose del paese. È una delle città più antiche e dove i portoghesi sono stati sistemati. Il commercio di schiavi in questa regione transatlantica è stato effettuato. La città era creatore di ricchezza per i portoghesi ed è naturalmente attaccato da inglese e francese. In tal modo l’economia portoghese fu distrutta. Quasi la città viene distrutta per sette volte e anche se è stata ricostruita ancora e ancora. Gli archeologi hanno scoperto le biglie in Italia e calcare in Maio e piastrelle in stili islamici sotto la terra. Idealica è fabbricato in Italia, base di conservazione dei funghi e viene spedito in Brasile e capo verde.

I curatori hanno colto nel segno spiegando con dovizie di particolari tutto il microcosmo che girava intorno a questa piccola , ma munitissima, base (civile) italiana in territorio portoghese.

Dai primi sopraluoghi dell’Ala Littoria al forte interessamento politico del regime con la costituzione della LATI e del suo aeroporto sul SAL alle descrizioni dei primi voli direttamente da chi li ha effettuati , portano il lettore ( che usufruisce anche di una raccolta di fotografie ben munita) ad affrontare un viaggio nel tempo all’indietro ripercorrendo assieme agli equipaggi il difficile percorso per arrivare ( e poi ripartire) nella piccola isoletta in mezzo all’Atlantico Centrale.

Ad un primo capitolo riguardante le scelte di carattere tecnico e di spiegazione dello “sfondo” storico si passa di mano in mano ai seguenti ; con la costituzione delle strutture, i voli civili e di “guerra”; dei ricordi di chi ha lavorato per la ricostruzione del nostro paese.

A corredo dell’opera schede con le statistiche dei voli eseguiti e dei dati tecnici sui trasorti effettuati.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

a Cura di Gherardo Lazzeri e Adalberto Pellegrino

Sal

L’isola del Capo Verde entrata nella storia dell’Aviazione Italiana

 

ISBN 88-87621-24-1

 

Anno 2001 pp.111

Euro 12,91

Editrice LoGisma

 

TORNA ALLA PAGINA DELLE RECENSIONI

 

Post Comment