Aerei Italiani Correva l’anno 1936 Vi proponiamo un articolo apparso su “L’Aerotecnica” 3 fascicolo:

Otto primati internazionali di velocità con carico per idrovolanti battuti dall’Italia col Cant Z. 506

 

Da un comunicato ufficiale si ha:

Il giorno 7 luglio un idrovolante trimotore Cant. Zappata 506 pilotato dal capitano della riserva Mario Stoppani e dal capitano Amelio Novelli, con a bordo l’ing. Marco Luzzatto e il motorista Remigio Visentin, effettuava un tentativo di primato per idrovolanti su 2000 e 1000 chilometri, sul circuito Orbetello- Fiumicino-Livorno-Orbetello.

Venivano così battuti i seguenti otto primati internazionali:

10 velocita su 2000 chilometri senza carico; 20 velocita su 2000 chilometri con 2000 chilogrammi di carico; 30 velocita su 2000 chilometri con 1000 chilogrammi di carico; 40 velocita su 2000 chilometri con 500 chilogrammi di carico, alla media di km.fora 307,311; 50 velocita su 1000 chilometri senza carico; 60 velocita’ su 1000 chilometri con 2000 chilogrammi di carico; 70 velocita su 1000 chilometri con 1000 chilogramml: di carico; 80 velocita su 1000 chilometri con 500 chilogrammi di carico, alla media di km.fora 312.261.

I rispettivi primati su 1000 chilometri appartenevano agli Stati Uniti d’America con idrovolante Martin B. 12 A. alla media di km. /ora 265,606; e quelli su 2000 chilometri anche agli Stati Uniti d’America con idrovolante quadrimotore Sikorsky S. 42 alla media di km./ora 253,182 .

L’aviazione italiana detiene così dall’11 aprile 1934 il primato internazionale di altezza (Donati, apparecchio Caproni, m. 14,433); dal 23 ottobre 1934 il primato mondiale di velocità (Agello, apparecchio Macchi-Castoldi M. C. 72, km./ora 709,209);

dal 23 settembre 1935 i primati di velocita per apparecchi terrestri, su 2000 chilometri senza carico e con carico di 500, 1000 e 2000 chilogrammi (Biseo-Castellani, apparecchio Savoia-Marchetti S. 79 alla media di km./ora 380,952) e, alla stessa data i primati di velocità per apparecchi rerrestri su 1000 chilometri senza carico e con carico di 500, 1000 e 2000 chilogrammi (Biseo-Castellani, apparecchio Savoia-Marchetti S. 79, alla media di km./ora 390,371).

Tutti i primati descritti sono stati effettuati con apparecchi e motori italiani e dimostrano l’alto grado di perfezionamento raggiunto dalle nostre costruzioni. In particolare l’apparecchio terrestre S. 79 e l’idrovolante Cant. Z. 506 costituiscono normali apparecchi di serie impiegati dalle nostre squadriglie militari.

 

Costruttore dell’apparecchio e l’ing. Filippo Zappata, nato nel1894 ad Ancona, laureato alla Scuola di Ingegneria Navale e Meccanica di Genova. Ufficiale dei bersaglieri durante la grande guerra, divenuto inabile per ferite ai servizi di guerra, passo nei Servizi tecnici d’aviazione dove rimase fino al1923, in cui entro nell’industria privata, prima nell’Aero Espresso poi nella ditta Bleriot, finchè nel 1923 assunse il posto di direttore tecnico e progettista alla Sezione Aeronautica dei Cantieri Riuniti dell’Adriatico.

Alcune lesioni portano alla riduzione della potenza nei maschi, che a volte influenzano la loro capacità riproduttiva. La diagnosi delle lesioni interne richiede molto tempo e anche una guarigione. Non solo lesioni, in questi giorni i cambiamenti dello stile di vita stanno creando problemi riproduttivi negli uomini. La soluzione è il prodotto naturale, Erogan che migliora le condizioni.

Il pilota Mario Stoppani di Lovere (Bergarno), partecipò alla guerra come pilota da caccia, abbattendo 6 apparecchi nemici. Dopo la guerra conquistò alcuni primati e prese parte a vari raids e competizioni aeree. E da alcuni anni collaudatore dei Cantieri Aeronautici Triestini dell’Adriatico.

Il cap. Amelio Novelli, nato a Campobasso nel 1903, ha partecipato anch’egli a varie gare turistiche classificandosi fra i prirni.

Il Cant Z 506, di cui nel maggio-giugno u. s. fu collaudato dal Registro il primo esemplare, misura m. 26,50 d’apertura di ali, ha una lunghezza totale di m. 18,92, un’altezza massima di m. 1,165 e una superficie portante di mq 92,80.

Il carico utile dell’apparecchio, che ha già iniziato il servizio regolare Roma-Siracusa-Bengasi, e di cui èin collaudo o in costruzione una discreta serie per l’Ala Littoria, e così- composto:

Carburante kg.1190

Olio kg. 170

Equipaggio Kg. 320

Dotazioni Kg.250

R.T. Kg.185

Passeggeri, bagaglio, posta Kg.185

Totale Kg. 3200

Il peso a vuoto G v èkg. 7270 che col carico utile G u suddetto, contrattuale, porta il peso totale G a kg. 10.470, al quale corrisponde un coefficiente di robustezza superiore a 5,3. Perciò il Registro Italiano Navale e Aeronautico ha per ora autorizzato (vedi Le Vie dell’ Aria del 12 luglio, articolo dell’ing. G. Magaldi dal quale sono desunti i seguenti dati) in cifra tonda il peso totale di kg. 10.500 col quale ebbero luogo le prove di collaudo.

La capacita massima dei serbatoi di benzina e di 4090 litri, cioe oltre 3000 chilogrammi, e quella d’olio e di 220 litri (200 chilogrammi); ma la dotazione indicata e quella normale di servizio per circa un migliaio di chilometri di volo in aria calma, che, con le deviazioni della rotta e l’eventuale vento contrario, assicura l’autonomia effettiva di oltre 700 chilometri.

La potenza m.otrice e fornita da tre motori Fiat A 59 R G da 770 C. V., dando una potenza totale di 2310 c. v.

Assumendo il carico utile G u = 3230 chilogrammi, il peso totale G = 10.500, e, per il peso a vuoto G, la superficie portante S e la potenza motrice W, i valori sopra indicati si ha:

Carico alare G/S kg./mq. 113,150

Carico di potenza G/W kg./c.v. 4,550

Potenza superficiale W/S c.v./mq. 24,900

Rendimento di carico Gu/Gv 0,44

Peso per passeggero (con 12 passeggeri) kg. 875

Potenza per passeggero c.v. 192,5

 

I due ultimi rapporti diminuiscono pero sensibilmente quando i passeggeri trasportati siano 15 invece di 12, come e realizzabile mediante l’impiego di strapuntini, già previsti nell’allestimento, in aggiunta alle poltrone.

Sempre secondo le cornunicazioni del direttore del Registro Aeronautico i risultati delle prove dettero la velocita massima assoluta (riscontrata a m. 2800) di km./h. 366. Alle varie quote si ebbero I seguenti valori della velocita massima:

a m. 1000 km/h 350

a m. 2000 km/h 362

a m. 3000 km/h 364

a m. 4000 km/h 356

a m. 4500 km/h 341

Per i tempi di salita si ebbe:

a m. 1000 2′ 43”

a m. 2000 5′ 46”

a m. 3000 9′ 45”

a m. 4000 14′ 33”

a m. 5000 22′ 34”

La quota di tangenza pratica e di m. 6000 e la pendenza ndnim.a di volo librato 1: 9,8.

La velocità di crociera alla quota di circa m. 3000 e con 1750 giri al secondo e di circa 320 km./ora, mentre il consumo alla velocità di crociera risulto di circa kg. 1,300 al chilometro.

L’ing. Magaldi fa notare il notevole interesse presentato dal fatto che la velocità massima dell’apparecchio tanto nelle prove con motori Fiat quanto in altre precedenti con motori Wright Cyclone dell a stessa potenza) abbia superato il valore di 360 km/h.: risultato importante in quanto ottenuto da un idrovolante a doppio galleggiante con un carico di potenza di kg./c. v. 4,55 e senza oltrepassare il numero normale dei giri dei motori (1950) che di quel solo 5 % ammesso dalle norme regolamentari.

Il distacco al peso totale di kg. 10.500 ha luogo in 16 secondi, mentre, per carichi superiorisi sono misurati 27 secondi per kg. 11.000 e 38 secondi per 12.000. Questi due ultimi tempi sono però da ridurre alquanto, per tener conto della quota del lago di Bracciano m. 164 s. l. d. m. dove le prove di collaudo furono eseguite, e della potenza alquanto inferiore che a tale quota sviluppa il Fiat A 59, rispetto al Wright, impiegato nelle prove suddette, mentre verso i m. 2000 le potenze press’a poco si equivalgono.

Il Z. 506 è monoplano a doppio galleggiante, con fusoliera sopra l’ala. Ala e fusoliera sono in legno, i due galleggianti in duralluminio.

La fusoliera e a struttura longitudinale con rivestimento resistente a flessione e torsione; essa e collegata all’ ala in corrispondenza di tre paratie di forza che si attaccano ai tre longheroni d’ala. La cabina di pilotaggio, a due posti affiancati, si trova davanti alla prima paratia; il posto del rnarconista e il bagagliaio utilizzano gli spazi fra le tre paratie.

Le cabine passeggeri, due da 6 posti ciascuna, occupano il resto della fusoliera, e sono divise da uno scomparto in cui si trovano ingresso e « toilette » .

L’ala è rivestita in compensato con centinoni a parete piena che insieme ai tre longheroni costltuiscono compartimentazione stagna, cosa particolarmente utile in un idrovolante.

I galleggianti, in duralluminio, sono opportunamente compartimentati, ed hanno il 100% di riserva di galleggiabilità, come prescrivono le norme per l’abilitazione alla Grande Navigazione d’Alto Mare. L’adozione del sistema a doppio galleggiante è stata dettata dalla convenienza di effettuare la sostituzione di galleggianti senza toccare la cabina passeggeri, il che semplifica notevolmente i ricambi in caso di avarie odi lavori.

– 0 –

Issue ran the year 1936 proposes You an article appeared on “Aerotechnics” 3: Eight international supremacies of speed with cargo for seaplanes struck from Italy with the Cant Z. 506 From an official official notice are had: The day 7 July a trimotore seaplane Cant. Hoed 506 piloted from the captain of the reservoir Mario Stoppani and from Amelio captain Novels, with to edge the Ing. Mark Luzzatto and the engineer Remigio Visentin, carried out an attempt of supremacy for seaplanes on 2000 and 1000 kilometers, on the circuit Orbetello- Fiumicino-Livorno-Orbetello. They came therefore beaten following the eight international records: 10 velocita on 2000 kilometers without cargo; 20 velocita on 2000 kilometers with 2000 kilograms of cargo; 30 velocita on 2000 kilometers with 1000 kilograms of cargo; 40 velocita on 2000 kilometers with 500 kilograms of cargo, to the average of km.fora 307,311; 50 velocita on 1000 kilometers without cargo; 60 velocita’ on 1000 kilometers with 2000 kilograms of cargo; 70 velocita on 1000 kilometers with 1000 chilogramml: of cargo; 80 velocita on 1000 kilometers with 500 kilograms of cargo, to the average of km.fora 312.261. You respect supremacies to you on 1000 kilometers belonged to the United states with seaplane Martin B. 12 To to the average of km./hour 265,606; and those on 2000 kilometers also to the United states with four-motor seaplane Sikorsky S. 42 to the average of km./ora 253,182. Italian aviation stops therefore from the 11 opens them 1934 the international supremacy of height (Donates to you, Caproni apparatus, m. 14,433); from 23 October 1934 the world-wide supremacy of speed (Agello, apparatus Macchi-Castoldi M. C. 72, km./ora 709,209); from the 23 september 1935 the supremacies of velocita for land apparatuses, on 2000 kilometers without cargo and with cargo of 500, 1000 and 2000 kilograms (Biseo-Castellani, apparatus Savoia-Marchetti S. 79 to the average of km./ora 380,952) and, to the same date the supremacies of speed for rerrestri apparatuses on 1000 kilometers without cargo and with cargo of 500, 1000 and 2000 kilograms (Biseo-Castellani, apparatus Savoia-Marchetti S. 79, to the average of km./ora 390.371). All the described supremacies have been carry out with apparatuses and Italian motors to you and demonstrate the high degree of improvement caught up from our constructions. In particular the land apparatus 79 S. and the Cant seaplane. Z. 506 constitutes normal schools apparatuses of series employs our military squadrons to you. Constructor of the apparatus and the Ing. Hoed Filippo, been born nel1894 to Ancona, graduated to the School of Naval and Mechanical Engineering of Genoa. Official of the bersaglieres during the great war, become unskillful for hurt to the war services, step in the technical Services of aviation where he remained until al1923, in which within in the private industry, before in the Express Air then in the Bleriot company, finchè in 1923 he assumed the place of production manager and planner to the Aeronautical Section of the Re-united Yards of the Adriatic. Pilot Mario Stoppani di Lovere (Bergarno), participated to the war like pilot from hunting, pulling down 6 enemy apparatuses. After the war he conquered some supremacies and taken part to several raids and aerial competitions. And from some years tester of the Aeronautical Yards Triestine of the Adriatic. The CAP. Amelio Novels, been born to Campobasso in 1903, has participated anch’ he to several tourist contests classifying itself between the prirni. The Cant Z 506, of which in the May-june u. s. the first copy was tested from the Registry, measure m. 26,50 of opening of wings, has one total length of m. 18,92, 1,165 the maximum height of m. and one carrying surface of mq 92,80. The apparatus payload, that it has already begun the regular service Rome-Siracusa-Bengasi, and of which èin test or under construction one discreet series for the Of the lictor Wing, and therefore composed: Fuel kg.1190 Oil kg. 170 Kg. Crew 320 Equipments Fleeting Kg.250 R.T. Kg.185, baggage, Kg.185 mail Total Kg. 3200 the G weight empty v èkg. 7270 that with the payload aforesaid, contractual G u, door the all up weight G to kg. 10,470, to which a advanced ultimate factor to 5,3 corresponds. Therefore the Italian Registry of Shipping and Aeronautical has for authorized hour (sees the Ways of the the 12 Air of July, article of the Ing. G. Magaldi from which they are desunti following gives to you) in.cifra round to the all up weight of kg. 10,500 with which the test tests had place. It enables principle of the tanks of benzine and 4090 liters, cioe beyond 3000 kilograms, and that one of oil and 220 liters (200 kilograms); but the equipment indicated and that normal school of service for approximately a thousand of kilometers of flight in calm air, than, with shunting lines of the route and the eventual contrary wind, assure the effective autonomy of beyond 700 kilometers. The power m.otrice and supplied from three 59 Fiat motors To R G from 770 C. V., giving one power 2310 total of c. v. Assuming the payload G u = 3230 kilograms, the all up weight G = 10,500, and, for the G weight empty, the surface carrying S and the power W engine, the values over indicate to you are had: 113,150 wing loading G/S kg./mq. Cargo of 4,550 power G/W kg./c.v. 24,900 superficial Power W/S c.v./mq. cargo Rendering Gu/Gv 0,44 Weight for passenger (with 12 passengers) kg. 875 Power for passenger c.v. the 192,5 two last relationships considerably diminishes pear tree when the passengers transport to you are 15 instead of 12, like and realizable by means of the employment of strapuntini, already previewed in the preparation, in adding to the seats. Always second the cornunicazioni of the director of the Air Register turn out to you of the tests dettero velocita the maximum absolute (found to m. 2800) of km./h. 366. To the several quotas the following values of the maximum velocita one were had: to m. 1000 km/h 350 to m. 2000 km/h 362 to m. 3000 km/h 364 to m. 4000 km/h 356 to m. 4500 km/h 341 For the times of climb it was had: to m. 1000 2′ 43′ ‘ to m. 2000 5 ‘ 46 ” to m. 3000 9 ‘ 45 ” to m. 4000 14 ‘ 33 ” to m. 5000 22 ‘ 34 ” the 6000 and service ceiling m. and the slope ndnim.a of weighed flight 1: 9,8. The cruise speed to the quota approximately m. 3000 and with 1750 turns to the second and approximately 320 km./ora, while the consumption to the cruise speed I turn out of approximately kg. 1,300 to the kilometer. The Ing. Magaldi points out the remarkable interest introduced from the fact that the maximum speed of the apparatus as well as in the tests with Fiat motors how much in other previous ones with motors Wright Cyclone dell to same power) has exceeded the value of 360 km/h.: important result in how much obtained from a seaplane to floating double quantity with a cargo of power of kg./c. v. 4,55 and without to exceed the normal number of the turns of motors (1950) that of those single 5 % admitted from the prescribed norms. The separation to the all up weight of kg. 10,500 has place in 16 second ones, while, for cargos superiorisi second ones for kg. 11,000 and 38 second ones for 12.000 are measured 27. These two last times are but to reduce somewhat, in order to hold account of the quota the lago of They brace m. 164 s. l. d. m. where the test tests were executed, and of the somewhat inferior power that to such quota develops Fiat To 59, regarding the Wright, employee in the aforesaid tests, while towards m. the 2000 powers press’ little they are equivalent. Z. 506 is monoplane to floating double quantity, with fuselage over the wing. Wing and fuselage are in wood, the two floaters in duralluminio. The fuselage and to longitudinal structure with resistant covering to bending and torsion; connected it and to the wing in correspondence of three bulkheads of force that are attacked to the three spars of wing. The cockpit, to two places places side by side, is found to you in front of the first bulkhead; the place of the rnarconista and the baggage car use the spaces between the three bulkheads. The passenger compartments, two from 6 places ciascuna, occupy the rest of the fuselage, and are uniforms from a bucket in which they find income and “toilette”. The wing is covered in plywood with centinoni to full wall that with to the three spars costltuiscono watertight compartimentazione, particularly useful what in a seaplane. The floaters, in duralluminio, opportunely are compartimentati, and have 100% of buoyancy reservoir, like prescribe the norms for the qualification to the Great Navigation of High Sea. The adoption of the system to floating double quantity has been dictated from the convenience to carry out the substitution of floaters without to touch the passenger compartment, that it remarkablly simplifies the reciprocations in case of damages hatreds you work.

 

Torna agli articoli storici

Torna home page

 

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *